Erasmo Mortaruolo

Il mio Sannio Generoso e DemocraticoSincero e DemocraticoForte e Democratico

Sannio Start

Erasmo Mortaruolo > News > Blog > Nidi e micronidi, Mortaruolo: “Per il Sannio 5 milioni di euro”

Nidi e micronidi, Mortaruolo: “Per il Sannio 5 milioni di euro”

“È di oltre 5 milioni di euro la somma che come Regione Campania abbiamo destinato al Sannio per i progetti volti al potenziamento, alla costruzione, alla gestione di nuove strutture e di posti nido”. Così il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, on.le Erasmo Mortaruolo.

“Il bando relativo al potenziamento e alle costruzioni di asili nido – fa notare il vicepresidente Mortaruolo – era infatti articolato in diverse linee di intervento: costruzione di nuovi nidi/micronidi, ristrutturazione di strutture esistenti/acquisto arredamento, sostegno ai costi di gestione, potenziamento dei posti nido. Hanno presentato istanza di finanziamento i Comuni, le associazioni di Comuni, gli Ambiti Territoriali Sociali e, relativamente a progetti di ristrutturazione, anche singole Municipalità”.

Spiega Mortaruolo: “Nel mese di febbraio c’era stato da parte della Regione Campania il via libera ai progetti di Airola € 700.000,00 e Telese Terme € 699.241,91(linea A); Fragneto L’Abate € 300.000,00 (linea B); Ambito Sociale B03 – Montesarchio € 366.000,00, Ambito Sociale B03 – Bucciano € 232.380,00, Ambito Sociale B03 – Moiano € 232.380,00, Benevento € 80.520,00 (linea C). In seguito, il reperimento di ulteriori risorse finanziarie, ha permesso il via libera a ulteriori proposte progettuali. Nel dettaglio per la linea A c’è l’ammissione a finanziamento per Castelpagano € 700.000,00 e Guardia Sanframondi € 698.000,00; per la linea B figurano invece Bucciano € 299.879,65, Ponte € 299.965,67 e San Bartolomeo in Galdo € 299.825,61. Aprire nuovi asili nido e intervenire con il potenziamento di quanto già è esistente nei territori sono state per la Regione Campania assolute priorità in risposta anche ai bisogni, alle criticità e alle istanze provenienti da tanti amministratori. Stiamo cercando di cambiare l’approccio sulle politiche sociali. Partiamo dalle persone e dal valore che hanno per le comunità”.