Erasmo Mortaruolo

Il mio Sannio Generoso e DemocraticoSincero e DemocraticoForte e Democratico

Sannio Start

Erasmo Mortaruolo > News > Comunicati > Sanità nel Sannio, Mortaruolo: “Nessun depotenziamento è in atto”

Sanità nel Sannio, Mortaruolo: “Nessun depotenziamento è in atto”

“Si è concluso poco fa nella sede della Regione Campania un incontro volto a condurre un’attenta analisi sulla sanità in provincia di Benevento alla luce del clima di agitazione che ha caratterizzato le ultime settimane. Presenti all’incontro anche il presidente della Commissione Sanità della Campania, Stefano Graziano; il direttore generale dell’azienda ospedaliera San Pio di Benevento, Renato Pizzuti e i responsabili medici e primari del presidio; il direttore della Direzione generale per la Salute della Regione, Antonio Postiglione”. Così il Consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, on.le Erasmo Mortaruolo.

“Nessun depotenziamento è in atto – rileva Mortaruolo – semmai una riorganizzazione volta a garantire efficienza e sicurezza! È per questo necessario che tutta la classe politica remi nella stessa direzione in una comune azione di tutela della salute dei cittadini. Confermata da tutti i partecipanti alla riunione la fiducia e l’apprezzamento per l’atto aziendale approvato, ritenuto corretto, funzionale e migliorativo dei livelli essenziali di assistenza per i cittadini. Così come è stato ribadito che la precedente programmazione prevedeva la sostanziale chiusura del presidio di San Bartolomeo in Galdo mentre in relazione a San’Agata dei Goti, nulla era stato messo in campo per garantirne la sopravvivenza”.

Prosegue Mortaruolo: “A tal proposito il presidente De Luca ha ricordato di aver aumentato di altre 200 le unità previste nel Piano ospedaliero; di aver aumentato a 286 i posti letto su Benevento; di aver salvato il Dea di II livello al San Pio; di aver salvato Sant’Agata de’ Goti collocando un Polo oncologica regionale e stanziando 32 milioni per questo obiettivo. E ancora l’attribuzione di un acceleratore lineare e finanziato la Medicina nucleare nell’unica provincia campana che ne era sprovvista. Il presidente ha infine ribadito che saranno garantite attività di Pronto soccorso 24 ore su 24, quindi anche in orario notturno”.

 

***

 

COMUNICATO STAMPA DEL 10 SETTEMBRE 2018

SANITA’ NEL SANNIO, RIUNIONE DI VERIFICA A PALAZZO SANTA LUCIA
Dichiarazione del Presidente Vincenzo De Luca

Si è svolto oggi a Palazzo Santa Lucia un incontro con il direttore generale dell’azienda ospedaliera San Pio di Benevento e i responsabili medici e primari del presidio, la direzione Salute della Regione, il consigliere regionale Mino Mortaruolo, per una verifica attenta dell’organizzazione nelle strutture ospedaliere del Sannio. Si è confermata da tutti i partecipanti alla riunione la fiducia e l’apprezzamento per l’atto aziendale approvato, ritenuto corretto, funzionale e fortemente migliorativo dei livelli essenziali di assistenza per i cittadini.

Dichiarazione del Presidente Vincenzo De Luca:
“Nel corso della riunione è stata fatta una valutazione sull’indegna e irresponsabile campagna relativa alla sanità beneventana, originata da ragioni di politica politicante, e che vede in qualche caso come protagonisti proprio chi aveva affossato i servizi sanitari nel Sannio. La precedente programmazione prevedeva, senza che nessuno fiatasse allora, la sostanziale chiusura del presidio di san Bartolomeo in Galdo mentre in relazione a San’Agata dei Goti, nulla era stato messo in campo per garantirne la sopravvivenza. Sulla base del D.M. 70 che stabilisce criteri nazionali, si sarebbe dovuto chiudere l’ospedale di Sant’Agata e si sarebbe perso il DEA di II livello per l’ospedale di Benevento. L’attuale Giunta regionale ha compiuto un miracolo a difesa della sanità nel Sannio. Quelli che organizzano manifestazioni strumentali dovrebbero andare a piedi a Pietrelcina per ringraziare l’attuale governo regionale. Abbiamo aumentato di altre 200 le unità previste nel Piano ospedaliero; abbiamo aumentato a 286 i posti letto su Benevento; abbiamo salvato il Dea di II livello al San Pio; abbiamo salvato Sant’Agata dei Goti collocando un Polo oncologico regionale e stanziando 32 milioni per questo obiettivo. Abbiamo decretato l’attribuzione di un acceleratore lineare e finanziato la Medicina nucleare nell’unica provincia campana che ne era sprovvista. Per Sant’Agata dei Goti la Regione ha aumentato i posti letto da 100 a 142, e oltre al Polo Oncologico, ha deciso l’apertura di un Polo per la riabilitazione e la lungodegenza. Tutte funzioni e risorse aggiuntive. Per il resto non si tocca nulla a Sant’Agata. Ribadisco inoltre a chi avesse preoccupazioni che saranno garantite attività di Pronto soccorso 24 ore su 24, quindi anche in orario notturno.
Avremo modo di incontrare nei prossimi giorni le comunità locali e di sbugiardare quanti hanno alimentato una campagna di mistificazione in queste strutture. Verificheremo se vi sono estremi di procurato allarme per chi ha diffuso notizie false per ragioni di propaganda politica”.